Homecinema so fifties

Due ragazzi spensierati sulla spiaggia al tramonto… La fine di una vacanza che sembrava senza tempo… Il momento di rendersi conto che il loro tenero amore, sbocciato sotto il sole d’estate, sembra destinato a sfumare col rientro alle rispettive case, lui in America e lei in Australia.

Poi gli imprevisti della vita vogliono che lei si trasferisca in America, guarda caso proprio nella stessa scuola che frequenta lui! Ma nella vita di tutti i giorni, e sotto l’influenza degli amici (così autorevoli durante l’adolescenza), i due si scoprono almeno apparentemente diversissimi da come erano sembrati l’uno all’altra durante la vacanza.

Così inizia Grease, uno dei musical più famosi di sempre, nonché un titolo spesso inserito nelle liste di film consigliati per l’estate (un esempio qui). Ecco alcune cose che ho pensato guardandolo – per l’ennesima volta – in questo periodo…

Perché ci piacciono tanto gli anni ’50?

Gli anni ’50 spopolano! Basti pensare alla diffusione delle scuole di ballo per rock’n’roll, dei ristoranti stile diners, al successo del panino “1955” del Mc Donald’s, e del festival vintage “Summer Jamboree” – appena conclusosi nella sua diciassettesima edizione! Grease è stato girato nel 1978: già allora gli anni ’50 erano considerati un’epoca mitica, ben definita da alcuni elementi distintivi. Frangette e gonne a ruota per le donne, ciuffo alla Elvis e calzini bianchi per gli uomini. E poi: drive-in, cadillac, milkshake, rock’n’roll. Troviamo tutto questo in Grease! Secondo voi perché i mitici fifties hanno colpito tanto l’immaginario collettivo?  Continua a leggere

Pillole di bellezza e benessere per l’estate

Pillole di bellezza e benessere

Le ferie sono il momento dell’anno in cui ci rigeneriamo fisicamente e mentalmente. Complice il sole, che infonde buonumore e ci fa sentire più attive. Ma quando le temperature salgono troppo, il caldo (specie se abbinato all’umidità) non è più così piacevole, anzi! Rischia di farci crollare, spossate, con possibili ripercussioni anche sulla nostra bellezza.

Le temperature in questi giorni sembrano piacevolmente diminuite rispetto a qualche settimana fa, ma teniamoci pronte ad eventuali “ritorni di fiamma” ripassando alcuni fondamentali consigli di bellezza e benessere per l’estate. Piccoli accorgimenti utili anche per chi non è in ferie!

Benessere

  • Bagnarsi spesso – Al mare, fare il bagno è sicuramente un ottimo modo per rinfrescarsi. A casa, è utile mettere i polsi sotto il getto d’acqua fredda del rubinetto.
  • Frullati – Idratarsi è importantissimo, il miglior modo per farlo è bere molto – a questo proposito leggete anche L’importanza dell’idratazione. I frullati freschi di frutta (oggi va di moda chiamarli smoothies) sono ottimi non solo per l’idratazione, ma anche per “combattere la fiacca“! Forniscono vitamine e sali minerali, aiutandoci a recuperare energie e a rinfrescarci con gusto! Ma attenzione: per godere pienamente dell’apporto di vitamine, i frullati vanno consumati appena fatti.
  • Filtro solare – Il filtro solare d’estate, soprattutto al mare, è fondamentale. Pur con tutti i distinguo in base al proprio fototipo, in linea generale si consiglia di non scendere al di sotto del fattore di protezione 15. Protegge dalle scottature e dalla formazione di rughe precoci.

Continua a leggere

Gelato: dimmi che gusto scegli e ti dirò chi sei

Gelato dimmi che gusto scegli ti dirò chi sei

Cari bambini, ultimamente abbiamo parlato di cosa mangiare in vacanza, pensando a una vacanza all’estero. Oggi invece parliamo di qualcosa che mangiano tutti i bambini in vacanza, non solo all’estero, ma ovunque! Anche quelli che durante le vacanze scolastiche rimangono a casa e non fanno nessun viaggio. Avrete già indovinato che si tratta del gelato!

Quando entro in una gelateria, non posso fare a meno di notare quanto siano felici i bambini mentre scelgono il gelato! Cos’è che mette allegria? Forse tutti quei gusti e colori diversi tra cui scegliere. In gelateria, ma anche al supermercato, vediamo quelle belle vaschette, una più golosa dell’altra… Alla fine però, fra tanti gusti, ce n’è uno che ci piace più di tutti gli altri!

Il nostro gusto di gelato preferito dice qualcosa di noi… Del nostro carattere, del nostro comportamento… Ecco un test che potete fare voi e poi proporre a genitori, zii, amichetti… Scommetto che vi divertirete! Continua a leggere

Outfit andando in spiaggia

FotorCreated2

Quando andate al mare, vi recate direttamente dalla casa (o dall’albergo) alla spiaggia? Oppure vivete la vita delle località marinare… E prima passate a vedere i pescatori… Fate colazione nella pasticceria lungo la strada… Poi una tappa in edicola… E infine un’ultima deviazione per vedere le bancarelle di un mercatino?

Il popolo di chi va al mare si divide in due “partiti”: chi ci va direttamente e chi invece… indirettamente! L’outfit di oggi è dedicato a chi, appunto, prima di arrivare in spiaggia fa alcune tappe intermedie e vuole qualcosa in più di un pareo o di un copricostume.

In questo post troverete alcune tendenze dell’estate 2016, alcuni elementi intramontabili, e qualche consiglio pratico!

Elementi modaioli

* Espadrillas – Secondo Donna Moderna (n.29 del 12/07 scorso), le infradito stanno subendo una leggera flessione. Veramente, andando al mare, ho visto che la maggior parte delle donne le indossa ancora. Ma se volete essere trendy, sappiate che le calzature da spiaggia più modaiole sono le espadrillas! Persino Havaianas, uno dei più noti brand di ciabattine da spiaggia, ha lanciato una linea di espadrillas. Rispetto alle infradito, ne apprezzerete i vantaggi se andate al mare in macchina, in scooter o in bicicletta. Le amerete un po’ meno infilandoci dentro i piedi umidi e ricoperti di sabbia… Del resto, si sa: chi bella vuole apparire…  Continua a leggere

Cosa mangiare in vacanza – a prova di bambino!

pranzo-in-spiaggia-bambini-890x570resCari bambini, dopo aver parlato della colazione in hotel, parliamo ancora di cosa mangiare in vacanza, specialmente all’estero. Le cose difficili per voi piccoli, quando si va in un paese straniero, sono due:

  • La noia – i pasti al ristorante sono più lunghi che a casa. A casa, di solito, vi mettete a tavola quando il pranzo è già pronto; al ristorante invece ci si siede, si ordina, si aspetta che il cameriere porti il cibo. Inoltre voi mangiate di meno dei grandi, perciò finite prima, e vi annoiate ad aspettare che anche loro siano pronti per uscire!
  • I cibi strani – all’estero non trovate gli stessi cibi a cui siete abituati: anche una semplice fettina di carne potrebbe nascondere invisibili spezie, e di conseguenza avere un sapore che non vi aspettate e che vi sembrerà strano.

Come risolvere queste piccole difficoltà? Non mangiare per una settimana (o più) non è possibile: come la macchina ha bisogno della benzina, noi persone abbiamo bisogno di cibo – il cibo è il nostro carburante! Vi do qualche idea, che sicuramente piacerà anche ai vostri genitori.

Problema noia

Scelta del ristorante – Per risolvere il problema della noia, chiedete ai vostri genitori di scegliere ristoranti con giardino, cortile o addirittura area giochi per bambini. Se questo non è possibile, portate con voi qualche piccolo giocattolo, oppure semplicemente una penna, così utilizzando tovaglioli o fazzolettini di carta potrete improvvisare qualche disegno in punta di dita per passare il tempo.  Continua a leggere